Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Neomelodici’

Ciao!

Ecco, già non so cosa scrivere. Comunque… inizio questo diario, e ci metto quello che condisce il mio mondo ogni giorno. Una sorta di raccolta indifferenziata di tutto il kitschume che mi circonda.

Dalle scoperte che quotidianamente deliziano me e i coinquilini, alle notizie e ai gossip più inutili, capaci però di fare oscillare di un minimo il baricentro delle nostre vite e dei nostri cervelli.

Ora è tardi… e per Valy’s Kitschen e la paziente Chiara Kia Loschi (fata madrina di questo blog e coinquilina di via XX settembre, ormai un ostello), è ora di andare a dormire.

Per aspettare la nuova alba, vi lascio sulle note di A guagliona da’ smart, un video del piccolo e talentuoso neomelodico Giuseppe Junior. Ormai le stanze di via XX settembre risuonano da giorni di note napoletane, dopo la scoperta di questo genere e, soprattutto, del suo lato underground e under18.

Maschilismo che mette in riga ragazzotte indisponenti e un po’ troppo farfalline, faide familiari e vendette sanguinarie, carcere minorile e grande disperazione gesticolata sono i temi che, con voce nasale, vengono trasformati in note musicali da queste giovani ugole sovrappeso.

A Guagliona da’ smart, ad esempio, racconta di una truzza un po’ in là con gli anni che, oltre a non avere ancora affinato l’arte della depilazione alle sopracciglia (le fa troppo sottili, come le quindicenni), si permette di scorrazzare per il centro di Napoli, attirando l’attenzione di tutti i maschietti. Ma l’Io narrativo sa cosa fare: distrugge la macchina, così quella lì impara a stare con lui, altrochè indipendenza e libertà. Perchè, come canta Giuseppe, anche lei ha rotto qualcosa, e ora deve riparare.

Ma il binomio angelo di casa – troia continua con Lasciat stà a mammà. Due innocenti creature, un truzzo e una giovane riccioli d’oro (la piccola Anna; per lei questo video sarà un trampolino di lancio per succose e irriverenti hit, come Giggino ‘O Bello) si recano al bar, dove sorprendono la mamma con un giovane amante (interpretato da un attempatissimo pappone, famoso neomelodico adulto). I due angeli chiedono all’Innominato di lasciare stare la loro mamma, di non distruggere la famiglia, e di non spezzare il cuore di un papà che non ha mai fatto mancare niente alla moglie. L’amante, prendendo il volto della bimba tra le mani, visibilmente commosso giura su Dio – e qui compare un’immagine sfumata del misericordioso Gesù – che lascerà la donna, non la rivedrà chiù.

La mamma e il suo giubbotto di finta pelle non hanno, ovviamente, diritto di replica.

Io ora vi lascio, ma vi prego… Non smettete di esplorare questo magico mondo musicale e nasale, un panorama imbarazzante quanto affascinante.

Buonanotte, e sogni neomelodici a tutti!

V.

Annunci

Read Full Post »