Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Mistery’

Siamo in tempo di ostensione (per chi se lo fosse chiesto: ostendere, [o-stèn-de-re] ostèndo, -di, ostèndono; ostendènte; ostènto o ostènso, v. tr. Mostrare, dal dizionario online Hoeply), e Torino spopola di gadget e pellegrini a tema.

L’Uomo della Syndone fa capolino, in tutte le salse possibili: accendini e calamite dal tabaccaio, piatti da appendere al muro e tovagliette per la colazione sulle bancarelle, reliquia bruciacchiata al Duomo. E, a seconda dell’umore, per tutti questi articoli si può scegliere la versione in positivo o in negativo. Nero su bianco o bianco su nero?

Alcune profonde riflessioni sulla Syndone:

– Pellegrini, pellegrini, pellegrini e anche amici VIP in fila. Tutti noi vorremmo gridare: sì, però è solo l’Uomo della Syndone… Non è Gesù, almeno non di sicuro! Credere, però, è bello. Finchè ci è permesso, almeno in certe sfere della vita, è giusto dare al mondo la forma che vogliamo. Io non rinuncerò mai a credere che Billy Corgan sia effettivamente il fratello di SuperVicky, anche se la leggenda metropolitana in questione è già stata smontata in più e più punti, come mi insegna la mia coinquilina BecK’s.

– A proposito di serie anni Ottanta/Novanta, lo sapevate che Dustin Diamond, l’ex Screech di Bayside School, si è dato al porno? Ha girato  Saved by the Smell (gioco di parole con Saved by the Bell, titolo originale della serie), sperando di rimpolpare la fama e sanare i numerosi debiti. La tristezza.

– Oggi, durante la predica, il sacerdote della Chiesa di San Tommaso ha detto che Gesù era già generoso a partire dal suo gruppo sanguigno: AB+, il più utile. Sbagliato: l’AB+, oltre ad essere un locale di Torino, può donare sangue solamente a individui con sangue AB+, pur ricevendo da tutti i gruppi.

– Il nome del Sacro Sudario viene dal greco, e significa «lino di buona qualità».

– L’Uomo della Syndone si copre le pudenda davanti, ma non quelle dietro.

– La Syndone fa paura come Marcellino Pane&Vino.
Uomo della Sindone «Vieni qui, pellegrino, chiudi gli occhi»
Pellegrino sfigato «Ma veramente, io… »
U.S. «Shh, dormi pellegrino»
P.S. «Ecco io dovrei, ecco avrei delle cose da fare… »
U.S. «Dormi!»

– Vince finora, tra i souvenir, il piatto con:
Duomo di Torino a sinistra
Cielo glitterato e, in alto a destra, volto della Syndone fatto di nuvolette
Sotto: Syndone stesa
In basso a destra: Ratzinger che ammicca sornione.

Ma: da due mesi in via XX Settembre si pensa a come sfruttare il business della Syndone, infilandoci nel mercato dei gadget. Essendo umanisti privi di spirito imprenditoriale, non abbiamo tradotto in pratica le nostre brillanti idee da cazzeggio, che sicuramente avrebbero riscosso un enorme (e meritato) successo:

1) Set di lenzuola Syndone: copripiumone con il corpo, copricuscini con la testa. Double face in positivo e negativo.

2) Gira la Syndone: un giralamoda in cui ci si diverte a vestire il Santo Sudario come più ci piace, inventando mise e abbinamenti per mille situazioni… una cena con le amiche – o con gli apostoli -, una festa di beneficenza, una giornata in ufficio, in giudizio davanti a Ponzio Pilato. E qui si vola con la fantasia…

Read Full Post »

Fiammetta Cicogna. Che imbarazzo di donna. Perchè esiste?, chiediamocelo. Il pubblico non la ama. Di sicuro non è un talento, ma non è neanche uno di quei personaggi discussi, magari odiati, di cui non si riesce a fare a meno, come Belen (che io non odio), o Emanuele Filiberto. E a nessuno importa che sia stata scacciata dal Chiambretti Night, anche se lei cerca di sollevare un polverone che rimane silenzioso.

Fiammetta non si sarebbe presentata a una puntata del programma, per colpa di un volo cancellato e di un biglietto non comprato per assistere a una sfilata di Valentino.  «Non me la sarei persa neanche per il Papa», dichiara fiera e provocatrice. Fiammetta, ma chi ti si incula? «Io sono fatta così, ho sempre mille cose da fare, mille progetti da seguire».

Uno dei nuovi progetti di Fiammetta è il blog che tiene su Libero, il “quotidiano” (lo so, anche io speravo almeno nel glorioso server di posta, no… il “quotidiano”). «E tengo un mio blog sul sito del quotidiano Libero dove parlo di tutto, dalle elezioni alla moda». Da febbraio, Fiammetta ha scritto due post. Uno sulle elezioni, uno sulla moda. Anzi no, su Sanremo.

Avrei dovuto iniziare con una piccola presentazione per farmi conoscere da questo nuovo pubblico di lettori-web, per raccontare l’iter che mi ha portata a scrivere sul blog di un importante quotidiano, motivandone la scelta i come e i perché, ma si sa: il modo migliore per parlare di se stessi è il non parlarne.
Quale occasione migliore per iniziare si poteva presentare a una ragazza amante del giornalismo, nata dalla musica, lanciata sui palinsesti televisivi, con uno spirito critico ciòvane, fresco e cool?

Pensierosa e naturale Fiammetta...

Oh mio Dio! Fiammetta! Fiammetta parla e scrive – addirittura crede di sapersi destreggiare nell’uso della figura retorica chiamata “ironia” – ma non sente, intorno a sè, il continuo palpabile imbarazzo che si viene a creare. Per esempio quando si definisce «di destra, ma anche Hippy». Sì perchè Fiammetta ama la musica rock, ma anche la moda.

Torniamo al blog: il Fiammetta-pensiero su Sanremo è graffiante e originale, offre non pochi spunti di riflessione. Riassumendo: è una manifestazione di cattivo gusto che non premia i talenti e le belle canzoni, non attira un pubblico giovane, una kermesse attorno a cui girano tanti soldi, ma poca qualità. E gli abiti della Clerici erano brutti e i vincitori sono decisi a tavolino. Arguta Fiammetta, non la frega nessuno.

Ti prego, lettore alan.capelli, che hai lasciato il commento:

PAROLE SANTE FIAMMY, per fortuna che tu riesci sempre a trasformare la rabbia e la delusione che l’italia ti passa in fortissimi pezzi di giornalismo giovane. ma giovane per davvero! hai un talento anche nella scrittura. B R A V A continua così!

dimmi che sei ironico!

Secondo e ultimo pezzo, più di un mese dopo. Il titolo Ma è furbo votare contro chi ci sta sulle palle? rivela da subito una certa raffinatezza nell’uso della lingua italina. Il tono scanzonato dell’articolo non nasconde però la certa rabbia per quello che accade in Italia, dove i cittadini sono rei, in tempo di elezioni, di non informarsi sui programmi elettorali, ma semplicemente di “votare contro” il candidato che detestano. Fiammetta ascolta le riflessioni della gente («ho le capacità o la chioma bionda per far parlare chiunque») e va di marchetta: «Ci hanno visto lungo i quotidiani Libero e Il Fatto dedicando le rispettive prime pagine al “voto contro di loro” e al “voto contro di lui”»

Ma il finale è roboante:

Nessuna sana differenza tra il bene e il male, tra il lercio ed il pulito, tra la gavetta [!!!!!! , ndr] e i paracadutati dall’alto. Io stessa sono molto perplessa, ma da inguaribile amante dell’essere umano e convinta sostenitrice della presenza di un po’ di DNA del dimenticato zio Abele in ognuno di noi, continuo sulla strada della buona fede e del “non potrà piovere per sempre”…Positiva?! Molto positiva…forse troppo positiva!

Non capisco!
E lo strazio e l’imbarazzo – che Fiammetta, diciamocelo, si porta dietro – continuano sotto, nei commenti: il fato vuole che, per un errore del sito di Libero, i pensieri dei fan si alternino a post inviati dai lettori per commentare altri articoli del “quotidiano”, a commenti intestati a Filippo Facci, a lamentele della stessa Fiammetta, che, turbata, fa notare come il suo «dare il LA» per la riflessione politica non porti ad alcuna discussione contruttiva, e ad altri spunti troppo tecnici e farciti di dati e numeri troppo tecnici a cui lei non sa rispondere. Ancora imbarazzo. Fiammetta.

Read Full Post »

Come si fa l’amore? È la domanda più cliccata su Google. In un’Italia in cui l’educazione sessuale è ancora tabù, in cui gli adulti fanno fatica ad accompagnare i figli nella teoria dell’argomento, in cui la televisione manda messaggi fuorvianti e frammentati (io stessa mi chiedevo perchè i protagonisti di film e telefilm non si fermassero mai per mettere il preservativo, visto che sembrava che venissero sempre dentro), e in cui Cioè non è più un caposaldo dell’informazione puberale, agli adolescenti non rimane che scambiarsi informazioni e confrontarsi, costruendo un’enciclopedia medica un po’ emo, ma sempre pronta all’uso.

Il canale preferito è Yahoo Answers, dove anche di fronte alle domande più “piccanti” l’umorismo da spogliatoio viene spesso e sorprendentemente lasciato da parte: le risposte sono serie (beh, il tono lo è), anche perchè quelle migliori vengono premiate con i punti dati dagli utenti, e si diventa popolari.

Veniamo alla domanda incriminata, la più cliccata di Google: Su Yahoo Answers il giovane GIANLUK-KORE chiede: Come si fa l’amore?

La risposta migliore e i caratteri fastidiosi del nick sonodi▐▀▀▼▀▀▌ ►คภﻮєl ๏Ŧ ๓ยรเς◄ ▐▄▄▲▄▄▌:

[riporto, senza correggere sintassi e grammatica]

«Si inizia con qualche bacetto giusto per riscaldare gli animi. si ci abbraccia, ci si accarezza, sfiora, si usano le manine e la boccuccia in tanti modi diversi e simpatici e poi una volta riscaldati, appena i corpi ne sentano il desiderio, il maschietto, inserisce il suo gioiellino, nella patatina della donna in questione!!! e poi ovviamente a fantasia, il maschietto sopra o sotto la donna o di lato ecc ecc»

La dolce Milka aggiunge:

«con passione e dolcezza…utilizzando tutti e 5 sensi che hai a disposizione e..non solo quelli!!!!!!»

Tinofinca (che nick è?), un po’ marpione:

«ti consiglio di leggere il kamasutra troverai diversi modi di farlo»

Marmocchio aggiunge, con fare gigione:

«Minimo in due»

Mentre Seren@ Through The Barricades chiosa romantica:

«col cuore che ti guida…»

Ovviamente l’avvicinamento al sesso deve essere graduale, i nostri adolescenti vogliono andarci piano, quindi Cleptomane chiede: Ai ragazzi:come si fa la s.e.g.a perfetta?

«è una domanda seria, spero che mi prendiate sul serio, e che nn mi bolliate come incapace pervertita. e che nn facciate commenti negativi. cmq la mia domanda richiede nozioni tecniche, perchè ho sentito dire che fatto in un certo modo fa male (tipo tirando verso il basso, nn so…). grazie»

Miglior risposta: Paul

«vai in crescendo. afferralo con sicurezza sull’asta (non fa male) senza toccare il glande (la cappella insomma) e fai su e giù. […] quando vedi che lui è bello “carico” solo con la mano vai più velocemente e stringi un pò di più, dovrebbe venire… durante il tutto cerca di fare in modo che piaccia anche a te, non considerarlo come un “compito in classe”, e guardalo negli occhi. anche questo aumenta l’eccitazione.»

Più pragmatico e meno romantico Valerio Drago:

«Gli uomini sono più complicati di quanto si creda non tutti la fanno allo stesso modo. Chiedi al tuo lui di farsi una s.e.g.a guarda come fa la prossima volta cerca di imitarlo. buona s.e.g.a.»

Oscuro, distaccato e negativo Il tessitore di sogni:

«Se e’ la prima in assoluto, fa’ attenzione a non dare colpi secchi, in quanto il glande ed il prepuzio potrebbero essere incastrati in qualche maniera strana.
D’altro canto potrebbe capitare che il frenulo sia lesionato per qualche ragione, nel qual caso la se.ga risulterebbe dolorosa e sanguinolenta.
Dopo aver controllato che l’attrezzo sia in buone condizioni, non resta altro da fare che procedere con un ritmico movimento di su e giu’, aumentando o diminuendo la velocita’ e la consistenza della presa a seconda del gusto del proprietario del membro.
Continuare fino ad orgasmo avvenuto.
Se trattasi di bambino, l’orgasmo avverra’ ma senza emissione di liquido spermatico.
Si consiglia vivamente di attendere almeno un’ ora tra un esercizio e l’altro.
Buon divertimento

Desdemona amore e psiche fa la prima donna tamarra e disgrafica e cerca di attirare l’attenzione (già si intuisce dal lunghissimo nick):

«pensavo ke arrivati a questo punto, nel quale il 69% delle ragazze all’eta di 17 anni gia hanno avuto il primo rapporto sessuale, speravo ci fossero meno tabù su questo argomento. Prima di tutto non è vero ke noi donne non le sappiamo fare secondo sappi ke non è così difficile! Prima di tutto devi essere delicata e accarezzarlo e toccarlo, per permettere l’erezione(puoi anche strusciarti, cmq faciendo qualcosa che lo ecciti) poivai con la mano su e giu prima in una velocità media quando vedi che lui si eccita cerca di diventare più veloce…cmq la velocità cerca di intuirla dalle sue espressioni (quando lo spiegavo ad una mia amica pensava che la mano scivolasse sulla pelle, infatti mi chiese e se non scivola?, ma non è così perchè ogni pene ha un po di pellicina in più percio la tua mano si sposta insieme alla pellicina sul pene eretto…)»

A smuovore le acque, con fare polemico, riottoso e un po’ piacione, ci pensa Il Vecchio, che nella foto del profilo fa la parte del buon padre abbracciato al figlioletto. Il vecchio vuole fare il saggio adulto della situazione, ma non riesce a nascondere la sua eccitazione (e stuzzica la sopracitata Desdemona):

«Volevo dire a queste “donne” che se il 0,5 % di loro fosse capace di farla perfettamente, non aprirebbero semplicemente le gambe aspettando una penetrazione… Incontrare una ragazza che sappia soddisfare con una se.ga è praticamente poco probabile, se pensi che la maggior parte nemmeno è capace di fare del sesso orale, cosa per la quale sono abbastanza difficile, la cosa più saggia e opportuna da fare è parlare apertamente con il tuo lui. […] Aggiungo per Desdemona- qualche risposta più in basso, che se lei fa parte di quel 0,5% sono contento per lei, e non può dire a me uomo di 40 anni, che invece si le donne sono tute capaci, poi da una spiegazione di come farla secondo lei senza pensare che magari gli uomini non hanno tutti le stesse manie e quello che fa paicere a uno puo non piacere ad un altro…. Poi dico in questo momento sto approssimatamente sulla linea media della mia esistenza, di se.gh.e sarà che ne ho ricevute? e se parlo di percentuale è perche è cosi…»

Ammiratrice95 chiede: Ciao a ttt ks vuol dire fare una pompa al propio raga???

Enricucci, con fare superiore, spiega:

«”fare una pompa al propio raga”, come lo chiami tu, significa praticare del sesso orale nei suoi confronti […] provocare piacere al proprio partner col solo ausilio della bocca e della lingua.»

RosyY, invece, è una maschilista:

«Dv lekkare e ingoiare»

E Furetto le dà manforte:

«non so cosa provate voi ragazze ma so che per noi e bellissimo ma al momento di venire sono venuto in bocca e a lei e’ piaciuto…»

Dxmole è una donna geisha, che si immola per amore, ma allo stesso tempo è protettiva e vuole proteggere dalle pene e dal pene le nuove adette del sesso:

«significa fare un pom.pino..devi mettere in bocca il suo pene e leccare..come se fosse un calippo (il gelato)…per me non è granchè soprattutto se ti viene dentro… però al mio ragazzo piace molto…però non correre troppo se il tuo anno di nascita è ’95»

Fustigatore la butta sul poetico e rispettoso, anche se il nick lo tradisce e si intuisce che getta l’amo per farsene offrire uno:

«E’ un’espressione terribilmente volgare per dire “praticare il sesso orale al tuo ragazzo” o se preferisci “praticare la fellatio”. […] Inoltre anche per il sesso orale ci vuole un po’ di esperienza: non si nasce sapendo fare tutto bene, anche se ci sono persone più portate di altre.»

ღ cнιαяα cσмє υи αℓвα ღ , invece di farsi una vita e cambiare il proprio nick, si dimostra inflessibile e moralizzatrice:

«Significa fare sesso orale, in questo caso tu glielo dovresti leccare…scusa la schifezza ma è così.»

Ci sono poi ragazzi che sognano. Federico chiede: Ciao a tutti cosa si prova a farsi fare una pompa da una ragazza ?

Gli risponde Compton’s MostWanted [akaUfo]:

«ti assicuro ke si gode molto……il problema e trovarle le raga a cui piace farle, xkè di solito il rapporto orale nn è molto amato dalle donne…
cmq ciò ke si prova è difficile da spiegare… si prova però assoluto godimento; per entrare nei dettagli a me mi venivan da chiudere gli occhi per il momento rilassantissimo, mi si scioglievano tt i muscoli…»

Un anonimo vuole soddisfare la propria donna (per la poveretta prevedo attimi di panico): Come si fa un ditalino ad una ragazza?

«Come faccio a sapere se vado bene?Come faccio a farla godere? Datemi qualche consiglio. HO 17 ANNI CMQ…»

Flipped, con il suo linguaggio militare, è degno della sua foto da CheGuevara:

«allora: prima di tutto focalizzazione. non ti perdere in inutili ricerche del punto G, anche perchè potresti scadere in un pericoloso fisting. non frullargliela come se dovessi darle calore per riportarla in vita, ci sono momenti migliori per ricaricarsi l’orologio da polso. non infilzarla a forza agitandoti come se dovessi gonfiare un gommone in 10 min con una pompetta da bici, non sei a “scommettiamo che”.
obiettivo principale della missione: l’area superiore all’ingresso.

obiettivo secondario: l’ingresso.
vai soldato, e mi raccomando: sei in incognito, non ripeterti gli ordini ad alta voce e non intonare canti camerateschi, a meno che non sia una rara appassionata di walker texas ranger, potrebbe non apprezzare.»

Jenas è poetico: «un ditalino nn è solo un dito dentro…nn lo è mai stato…»

Giux fa il gradasso superiore, ma non nasconde la propria confusione:

«nn farlo x sentirti superiore agli altri ma x far divertire la tua amata e poi prima di fare un ditalino la devi baciar tutta dalla testa hai piedi…..vedrai funziona se vuoi posso darti dei consigli (ho solo 14 anni e gia ne ho fatti parecchi alla my zita)»

Kialove è nel panico: Come fare sesso anale prima volta…aiutoooo e soprattutto consigliiii?
«vi prego ho bisogno di una risposta moolto dettagliata.sono in panico…innanzitutto ciao a tutti sono kiara e ho 15 anni…io e il mio ragazzo stiamo insieme da quasi 11 mesi ed è da un po di mesi che mi chiede di fare sesso anale ma non l’ abbiamo mai fatto perchè io non ne ero sicura…ora mi sono decisa e ho deciso di parlarne alla mia migliore amika ke mi ha detto ke fare sesso anale fa skifo perchè fuoriescono feci…io le ho detto ke se gli altri lo fanno ci sarà qualche modo per non farle fuoriuscire ma lei mi ha detto ke nn è vero…io sono terrorizzata»

CIAOOO è molto chiaro:

«Prima di tutto vorrei mettere in chiaro che sono in pochi a farlo. Poi ti vorrei dire di pensarci bene xchè sei piccola. Cmq ti spiego come fare così se decidi di farlo non sei impreparata. […] SERVE tanto tanto tanto lubrificante comprate almeno 2 o 3 bottigliette di lubrificante durex ed è bene usare il prfilattico per evitare infezioni. Non si deve iniziare subito con la penetrazione l’ideale sarebbe comprare un vibratore (non a forma di pene poi capirai perchè) ma puo andare bene anhe una candela abbastanza sottle. […]  (spenta naturalmente e fai attenzione che non si sciolga). L’IDEALE É CHE QUESTO PROCEDIMENTO LO FACCIA ANCHE IL TUO RAGAZZO CHE ANCHE LUI PROVI A INSERIRE DITA E VIBRATORE NEL SUO ANO. (meglio che inizia lui) perchè così facendo saprà quali sono le senzaioni che proveri tu e saprà come darti piacere. (inoltre noi uomini possimo godere tantissimo stimolando il punto L ovvero la base del pene all’interno dell’ano). […] Mi sarebbe piaciuto avre una ragazza come te una decina di anni fa»

Ancora dubbi anali per Dakota: Ma se si fa sesso anale si diventa stitici?

Ma arriva ancora CIAOOO, l’esperto amante del Lato B (e del suo punto L), a chiarire le idee:

«No per nulla, magari ci potrebbe essere qulche piccolissimo problema ad evaquare la prima volta che si va in bagno dopo il rapporto ma nulla di importante rispetto al piacere che da»

Poi, però, Dirty Harry decide di diffondere paura e terrore tra gli adolescenti con il solito pericoloso sensazionalismo:

«al contrario, ti viene una diarrea della madonna, oppure l’aids

Più chiaro di così!

«»

Read Full Post »

L’altra sera a cena si parlava della gravidanza isterica della gallina di Giulia, che covava pietre. Giulia, in questo momento, ha una gravidanza isterica per la sua tesi. Anzi, una gravidanza effettiva con bibliografia isterica. Ma domani partorirà.

In tutto questo, ho avuto un’illuminazione: e se quella di Maria – e con Maria intendo la Madonna – fosse stata una gravidanza isterica? [a proposito, lo sapete che con Immacolata Concezione non si intende il concepimento by Maria di Gesù, ma il concepimento by Anna (madre di Maria, della stessa Maria)? è giusto rispolverare un po’ di dottrina xtiana!].

Siamo dunque arrivati a parlare dei segreti che dà la Madonna, da quelli di Fatima, ai messaggi (msg) di Medjugorje.

Da qui, vorrei dare alcuni spunti di riflessione, che ognuno potrà poi trattare a proprio piacimento.

– I messaggi sono un po’ troppo vaghi, banalotti e noiosi da leggere. Ma anche difficili da imparare a memoria! Bravi pastorelli!

– La Madonna è di destra: sputa sentenze contro la rivoluzione russa! Dice che è un pericolo per la fede. E il consumismo (che io comunque adoro), no?

– La Madonna è eurocentrica (by le mie due coinquiline antropologhe): perchè fa sempre riferimento a guerre e fatti storici che riguardano solo il fronte occidentale?

– La Madonna ha avuto una gravidanza isterica?

– La Madonna e Gesù sono figure postmoderne. La loro relazione padre-madre-figlio-madre-padre ricalca perfettamente il mitico, intramontabile nastro di Moebius… E quanto ispirerebbe le tematiche del romanzo postmoderno, la frammentazione, il retelling, le nuove categorie sociali e di genere…

Che paura se ti appare la Madonna! Io comincerei ad accucciarmi e a tapparmi le orecchie con fare istericompulsivo gridando «no no no, non ci provare! occazzo! shh! shh! dai, vattene, basta!». Poi associo tutto al tremolio del film in bianco e nero, che già di per sè mette timore. Il famoso TimorTremor. Sì. ahaha.

– E Marcellino Pane&Vino? Ma quanti di noi ha traumatizzato? «Ti addormenterò io, vieni… dormi Marcellino!». Il vero Gesù avrebbe detto «Vai, Marcellino! Là fuori c’è il mondo! Fatte ‘na vita, e stai lontano da Frà Saponetta!». Quello in soffitta non era Gesù, era il demonio!

– Perchè vietano ai minori film come L’Esorcista, Paranormal Activity ecc, ma non Marcellino Pane&Vino (soprattutto), Bernadette e Nostra Signora di Fatima, che fanno paura? Con tutti questi bambini che muoiono o vengono isolati dal mondo, senza motivo… unici amici: Gesù in versione killer o la Madonna (ci si becca il prossimo mese che ti dò un msg).

Marco Columbro ha rivelato il terzo segreto di Fatima. Secondo lui il msg «…altri Miei figli venuti dal Cosmo, edificheranno, costruiranno il nuovo mondo, nel quale il male e il peccato mai più esisteranno, perchè in perfetta armonia con il Regno dei Cieli. Verranno altri Miei figli dall’Universo, per educare in armonia vibrazionale le vostre menti oggi allucinate…» coinciderà con il 2012 (perversione sessuale di Giacobbo). Columbro spiega, infatti, in un’intervista a La Gazzetta dello Sport (9 luglio 2008)

Quello che noi chiamiamo “mondo” è composto di tre parti. Sotto il suolo terrestre c’è un popolo a noi sconosciuto: sono quegli umani che milioni di anni fa vi si rifugiarono inseguito a un’esplosione atomica, la stessa che sommerse il regno di Atlantide.

Sotto terra questi rifugiati ricrearono artificialmente il nostro habitat, usando la loro tecnologia, già molto evoluta, per ricreare sole, mare e laghi come all’esterno della crosta terrestre: nel 2012 ci ricongiungeremo anche con loro. Poi ci siamo noi, l’umanità che conosciamo. E sopra di noi, nell’universo, i siriani, una razza extraterrestre, che da sempre ci aiutano mandandoci messaggi.

Columbro afferma inoltre di avere avuto un incontro ravvicinato con gli UFO: «Ho avuto un incontro a New York, dopo un convegno di ufologia, nel cielo sopra la 54a strada, ho visto una luce sferica enorme, poi sono diventate tre e hanno formato un triangolo. E si sono messe a ruotare. Erano loro, ci salutavano».

Meglio loro della Madonna. Penso facciano meno paura. Consiglio comunque, da youtube, un intervento di Marco Columbro a L’Italia sul 2, dove persino l’ignobile “psicologo” Alessandro Meluzzi lo guarda con tenerezza e ironia.

– Altro giro, altro VIP, altra Madonna: l’intervento di Paolo Brosio a Domenica 5. Racconta il miracolo di Medjugorje e Mostar, il sole che gira, il turbine di vento, gli uccellini…  con un occhio da “giornalista, come sono sempre stato”, nonostante la fede.

NB: Il rapporto Brosio-Madonna di Medjugorje è un pozzo senza fondo. Iniziare a scavare è come aprire il Vaso di Pandora. Consiglio la sua intervista a Mattino 5 by Claudio Brachino (thanks Marco Legnaioli). Spiega la nascita della propria fede dopo che una bella cubana ventenne lo ha lasciato. Droga, alcol, addirittura superalcolici! Ma poi, all’improvviso… la fede!

È bello, ogni tanto, parlare di religione e di fede. E io ho sempre fede nei miei amici VIP. Non mi deludono mai.

Read Full Post »